Il problema non è Milani, ma chi lo voterà

Di

Ho molto apprezzato l’articolo di questa mattina di Jacopo Scarinci, perché, tra le altre cose, pone l’accento su un qualcosa che non viene mai detto abbastanza. Il problema non è Milani, come non è stato Ibraimi: il problema è chi e quanti votino gente così.

Luciano Milani in questi giorni, sulla sua bacheca Facebook, sta sorridendo alla vita, ha ringraziato coloro (tanti, tantissimi) che gli hanno offerto la loro solidarietà, insomma, è una persona serena. Incontestabile, certo, ne ha tutti i diritti. Ma lui è sereno perché sa che qualcuno lo voterà comunque. Non verrà eletto? Amen, qualcuno la crocetta sul suo nome la metterà apposta per quella immagine di Hitler. Ormai è vero, sapere cosa sia la storia e cosa sia, meglio ancora, la decenza non dà più un ruolo di guida, un grado superiore rispetto al webete che spinge tasti a caso perché non sa cosa fare e vuole sfogarsi. E questo accade perché c’è e ci sarà sempre un’umanità che di queste cose semplicemente se ne frega. Anzi, quelle immagini di Hitler le approva pure, ride.

Ed è per questo che Luciano Milani non mi fa assolutamente paura, ma temo chi lo voterà. E ho questo timore perché è tutto scritto da tempo immemore. Anni e anni di copertine del Mattino, di linguaggio triviale, di gente assolutamente a caso assurta a cariche di governo, di donne col burqa paragonate a sacchi della spazzatura cosa credevate portassero? Al ritorno dell’illuminismo?

Qui bisogna svegliarsi. Ma svegliarsi sul serio.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!