“Io dico no”

Di

In vent’anni di giornalismo non ho mai avuto bisogno di nascondermi e di fronte a denunce anonime mi sono sempre imposto di conoscere la vera identità dell’interlocutore, prima di approfondire. Credo che sia il minimo per rispetto dell’etica, del lettore e della propria coscienza. Esistono forme di giornalismo “anonimo”, inchieste mascherate che rispettano regole del gioco e norme ben precise. Se ne fa un uso limitato e solo quando non sarebbe possibile ottenere informazioni di interesse pubblico usando altri sistemi.
Ma i troll e i fake che giocano sporco non lo fanno per difendere la libertà di espressione. Sanno bene che mettendoci la faccia e il nome dovrebbero pagare le conseguenze per bugie, violenze verbali e infamità che diffondono. Non è come farsi quattro risate per una battuta sarcastica fatta bene. È bullismo, è un sistema organizzato, è il sospetto che a muovere i fili ci siano pochi burattinai interessati a generare il caos. Giustificandone l’esistenza asseconderei pure l’imbarbarimento dei modi e dei costumi – IO DICO NO.

Antonio Civile

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!