Occasioni sprecate

Pubblicità

Di

Un compromesso insoddisfacente: questo è la legge di applicazione del voto del 9 febbraio. Poco tempo fa Nenad Stojanovic ha lanciato un referendum per chiamare il popolo a esprimersi su questo compromesso. E proprio chi, come noi, pensa che l’esito di quel voto fu una cazzata epica dovrebbe adesso sbattersi per sostenere questo referendum e raccogliere le 50 mila firme necessarie entro il 7 aprile. Perché? È presto detto.

Gli esiti possibili sono tre.

  1. Non raccogliamo abbastanza firme (ipotesi più probabile).

Conclusione: al popolo non frega più un cazzo dell’applicazione rigorosa del 9 febbraio. Se gliene fregasse, avrebbe firmato in massa. Perfino la Lega e l’UDC hanno snobbato il nostro referendum: alla faccia della coerenza e dell’onestà intellettuale. Sicché non rompete più i coglioni, passi lunghi e ben distesi e via andare. Vinciamo noi.

  1. Raccogliamo abbastanza firme ma alle urne il popolo tromba il referendum (ipotesi possibile ma improbabile).

Conclusione: vedi sopra. Uguale uguale, a maggior ragione con la benedizione esplicita del Sovrano. Vox populi: il 9 febbraio fu una stronzata, il popolo ha cambiato idea e si accontenta del compromesso. Sicché non rompete più i coglioni, passi lunghi eccetera. Vinciamo noi.

  1. Raccogliamo abbastanza firme ma alle urne il popolo approva il referendum (ipotesi piuttosto inverosimile).

Conclusione: il popolo ha deciso! E chi ha difeso la volontà del popolo? Chi si è sbattuto per dargli voce? Noi! Solo noi! Sicché non rompete più eccetera eccetera. Vinciamo noi.

Certo, in quest’ultimo, improbabile caso bisognerebbe riaprire le trattative con l’Unione europea. Ma a quel punto sarebbero cazzi del Consiglio federale, mica nostri. Anzi, a quel punto si dovrebbe proprio tornare a votare pure sui Bilaterali. A tutto beneficio della chiarezza, in fin dei conti.

Insomma, il referendum di Stojanovic è una novità bella, divertente e provocatoria per mettere in difficoltà la Destra. E ci fa vincere sempre e comunque.

Ebbene, proprio perché il referendum è nuovo, divertente e provocatorio, proprio perché mette in difficoltà la Destra, proprio perché è una vittoria facile e senza rischi…

…prima il Partito Socialista Svizzero e poi la sua Sezione ticinese lo hanno rifiutato. Non sia mai che si rompano davvero i coglioni a qualcuno, per carità.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!