“Se la prendono con La Posta, ma a Bellinzona fanno uguale”

Di

La Posta riduce personale e uffici e tutti – giustamente – insorgono. Anche il Governo ticinese si attiva e scrive indignato che non condivide questa strategia aziendale. Evidentemente sottoscrivo ogni atto che sostenga l’efficienza e la vicinanza del servizio pubblico all’utenza. MA le lamentele governative si infrangono miseramente sugli scogli delle contraddizioni: ci si lamenta del disservizio della Posta e nel contempo – con gli stessi precisi intenti e modalità, si “centralizzano” il Registro di Commercio (a Biasca), si smantellano gli uffici degli stranieri, si spostano gli sportelli degli Uffici Esecuzioni e Fallimenti (a Faido), si chiudono le Preture periferiche e sono “allo studio” altre misure centralizzatrici (leggi smantellamento) di servizi al pubblico. Insomma, si sbraita “contro Berna” e senza batter ciglio si fanno le stesse identiche cose, qui, a Bellinzona! Un dato curioso: in questa fregola è particolarmente attivo il Dipartimento Istituzioni (notoriamente retto da un ministro leghista, ovviamente coerente col suo movimento: con grande faciloneria oggi si dice una cosa e domani si sostiene l’esatto contrario).

Alberto Leggeri

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!