Ticino spaccato in due

Di

È un Ticino completamente spaccato in due quello che esce dalle urne. Sempre di più, la nostra terra si polarizza in due schieramenti contrapposti, simili a quelli dei democratici e repubblicani statunitensi. Un’ala legata all’economia, alla destra populista e al capitale; un’altra più sociale e legata all’individuo e ai suoi bisogni.

I referendum della sinistra e la Riforma delle imprese sono andati straordinariamente bene per la sinistra, calcolando che aveva contro praticamente tutti, partiti borghesi e governo, e che solo per la Riforma III i favorevoli avevano speso oltre 4 milioni di franchi in propaganda, a fronte dei 170’000 dei contrari. La sinistra, anche se non vittoriosa pienamente, può mettere in cascina il consenso di praticamente un ticinese su 2, visti i ridicoli centesimi di differenza, più degni di una gara da centometristi che di una votazione.

La Riforma III passa per il rotto della cuffia, con un minuscolo 1,2% di differenza, facendo diventare il dato quasi ininfluente. Il Ticino rimane solo con Nidvaldo e Zugo (ed è tutto dire) mentre la Svizzera intera, con quasi il 60% dà una battuta d’arresto a questa scriteriata politica. Il Ticino, invece, sembra non aver ancora capito quanto l’economia sia ormai lontana dal mondo del lavoro e dalla gente. I tagli alle prestazioni sociali sarebbero accettati al 52,5%, anche qui una vittoria di Pirro, con la metà buona del cantone inviperita per questa continua macelleria sociale

L’eliminazione di un giudice dei procedimenti coercitivi passa con un 53,7% e qui, evidentemente, i ticinesi non hanno ritenuto che la magistratura necessitasse di ulteriore aiuto, nonostante le migliaia di ore di straordinario accumulate. Tutto questo mentre, invece, la sinistra incassa una vittoria per l’assistenza e cura a domicilio, con il 51,3%.

La spaccatura si fa più devastante ancora per le naturalizzazioni agevolate della terza generazione con un 50,2% di si! E un 49,8 di no. Ma il colmo lo si raggiunge sull’avvocato per gli animali, che risulta esattamente al 50%!

Dopo le chiacchiere di rito, bisognerà pensare a che cantone vogliamo domani, e a che battaglie si andrà incontro in futuro. Se una buona parte dei ticinesi sono ligi alle sirene dei partiti borghesi, vi è una frangia sempre più grossa di popolazione che, seppur non di sinistra, è ancora in grado di solidarizzare con i meno fortunati o, perlomeno, di sapere che i meno fortunati domani potrebbero essere loro.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!