Un bilione per gli azionisti

Di

Sono stati sufficienti cinque anni. Cinque anni, dall’ultima riforma che faceva regali alle imprese e agli azionisti. La casta degli intoccabili. I padroni con la P maiuscola: non quelli che siamo abituati a considerare i dirigenti, ma i poteri occulti che governano noi e gli stati.

5 anni perché un bilione di franchi, e cioè 1’000 miliardi, un milione di milioni sono i franchi accumulati dalle aziende e distribuiti ai loro azionisti, senza che sia riscossa nessuna imposta. Nessuna tassa, nessun balzello, chiamatelo come cacchio vi pare. Mille miliardi di franchi, senza neanche uno 0,5% di tasse. Quant’è? 500 milioni, lo 0,5% di quella cifra è 500 milioni.

Non lo dicono Amnesty International, i comunisti coreani o qualche organizzazione di sinistroidi, lo dice l’Ufficio federale delle contribuzioni. Nonostante ciò, le contribuzioni perdono centinaia di milioni, più di un miliardo, se si ascolta il capo economista dell’USS. Questa defiscalizzazione l’abbiamo votata noi merli nel 2008, col 50,5% di Sì. Che il Consiglio federale avesse taroccato le cifre di perdita, sottostimandole di quasi il 90% è ormai consegnato alla storia e nessuno ha “pagato” per questa bugia. Ufficialmente, infatti, le perdite della Confederazione sono di 600 milioni di franchi, a fronte degli 84 preventivati.

Siamo coglioni? Sì. Continuiamo a farci spaventare, a berci queste frottole, siamo noi stessi che stringiamo il cappio alla nostra gola. E rischiamo di farlo ancora domenica con la Riforma III, che nonostante questi risultati, chiede ancora sgravi.

Il Prodotto interno lordo Svizzero (nel 2013) ammontava a 685 miliardi. Dobbiamo sforzarci. Per arrivare al bilione, dobbiamo produrre per 315 miliardi in più.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!