Bravo Pontiggia, ma andiamo fino in fondo!

Di

Quando ci vuole ci vuole, e oggi dobbiamo rendere merito a Fabio Pontiggia per il suo preciso e puntuale editoriale nel quale ha spiegato a leghisti e democentristi vari la differenza tra Consiglio d’Europa e Unione Europea.

Lo ha fatto partendo dall’interrogazione che Boris Bignasca fece per chiedere che il 5 maggio, anniversario della nascita del Consiglio d’Europa di cui anche noi facciamo parte, non ne venga esposta la bandiera. Quella bandiera con le stelline su sfondo blu che, decenni e decenni dopo, è stata presa come vessillo dall’UE. Quindi Boris, ritenendo tutti i ticinesi al suo livello, ha chiesto di toglierla di mezzo per non creare confusione.

E allora bravo Pontiggia, però già che abbiamo fatto 30 facciamo 31. Intanto grazie per aver dato seguito a un nostro articolo del 7 maggio 2015, scritto a seguito della polemica della bandiera esposta dal municipio di Balerna: un po’ di ritardo, ma è bello per una volta essere dalla stessa parte. Poi, beh, alcune cose possiamo approfondirle insieme. Pontiggia infatti scrive nel suo editoriale di oggi che “Il Consiglio è stato voluto per promuovere tre pilastri fondamentali della nostra società, dopo gli sconquassi prodotti nel Vecchio continente dai totalitarismi e dalla seconda guerra mondiale: diritti umani, democrazia, stato di diritto”. Tutto giusto. Ma appunto per questo, possiamo parlare di come alla frontiera tra Como e Chiasso per mesi e mesi queste tre missioni siano state disattese secondo organizzazioni come Amnesty International, osservatori internazionali e varie associazioni di studi giuridici? Ne possiamo parlare approfonditamente sulla stampa, sui portali e nell’opinione pubblica senza lasciare a qualche burlone con le password del Mattinonline il compito di inventarsi di sana pianta titoli e articoli sul tema?

Questa, chissà, può essere l’occasione giusta, anche per il Corriere, di iniziare a trattare diversamente questi temi. I tempi attuali sono sempre più difficili, e serve che il dibattito sia il più completo possibile. Fabio Pontiggia, dal quale sicuramente ci dividono molte cose, ha l’intelligenza necessaria per averlo già compreso appieno.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!