Chiasso: morte e sesso, che tristezza

Di

Macabra, ma anche divertente, è la notizia che citiamo da TIO in merito alla palazzina di Chiasso in cui si sarebbe insediata l’associazione Carpe Diem, preposta all’eutanasia e già responsabile di 7 decessi.

“Nell’appartamento di fianco alla sede di Carpe Diem, sullo stesso piano, al momento lavorerebbero una transessuale e una prostituta, (…) Al pian terreno della palazzina bifamiliare, invece, si trova un centro tantra autorizzato, che a sua volta offre massaggi sensuali a pagamento. Non è stato possibile contattare i responsabili di Carpe Diem per un commento. Dal centro massaggi fanno invece sapere di avere «già protestato per l’attività di questa associazione, che non ci fa certo piacere, nelle sedi opportune».”

 Niente da dire sulle due attività. Amore e morte sono, dalla notte dei tempi, antagoniste e al contempo unite, e noi siamo d’accordo sia con il diritto all’eutanasia sia con un esercizio della prostituzione, ovviamente con lavoratrici registrate e, meglio ancora, tutelate dallo Stato.

Quello che mi lascia un po intristito è l’atteggiamento del salone massaggi. Lo so, non è bello avere gente che muore sopra l’“ufficio”, ma suppongo che, come per la prostituzione, la cosa si svolga con decoro e sensibilità. Insomma, tu puoi fare i massaggi sensuali, quelle di sopra possono prostituirsi, e un povero cristo non può morire in pace? Torniamo come al solito al mantra che c’è sempre qualcuno più disgraziato di noi, un paria di una casta ancora più bassa, una pecora più nera di noi.

Ogni persona dovrebbe smetterla di valutare la propria vita in base a quello che le succede attorno. La morte, il sesso, l’amore e l’abbandono sono parte della vita, come mangiare e dormire, la vergogna da cosa è creata in fondo? Da una morale, soprattutto cattolica, che ha voluto il monopolio della morte e ha demonizzato il sesso per secoli.

Siate fratelli nell’esclusione e non antagonisti, fate in modo che amore, anche se a pagamento, conviva con la morte, anch’essa a pagamento. In fondo è la nostra mente che ha il potere di cancellare le barriere, soprattutto quelle del pregiudizio. E a me, forse, non dispiacerebbe sapere che, mentre muoio, qualcuno sotto di me si sta godendo un bel massaggio sensuale.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!