Di morbillo si muore: il vaccino, antidoto al cretinismo grillino

Di

La rete è quel posto dove il primo cretino che passa e dice la sua viene scambiato per esperto, e in tempi di fake news, fatti alternativi e Movimento 5 Stelle la cosa inizia a diventare pericolosa. Vediamo un po’.

In Italia, dal mese di gennaio, sono già stati registrati 700 casi di morbillo. In tutto il 2016, i casi furono 844. Il Ministero della Salute, il Consiglio Nazionale per le Ricerche (CNR), virologi, luminari ed esperti del settore imputano questo incremento alla campagna contro i vaccini lanciata sul web da varia umanità di dubbia intelligenza, e ancor meno competenza, che in base a non si sa quale balzana idea non vaccina i propri figli e istiga la gente a far lo stesso. I vaccini fanno venire l’autismo, dicono alcuni. I vaccini sono un complotto delle multinazionali, dicono altri. Tutta gente che – va detto per dovere di cronaca – crede alle scie chimiche, ai complotti del Bilderberg e altre cazzate simili.

A questo punto, una domanda sorge spontanea: se doveste costruire casa, chiamereste un architetto e un ingegnere o un calzolaio? Se doveste riparare un computer, chiamereste un tecnico specializzato o un ottimo idraulico? Sono domande che neanche si pongono da tanto chiare sono le risposte. Perché quindi in fatto di vaccini sta trionfando il cretinismo grillino e il parere di qualsiasi autorità medica del pianeta viene messo nel cestino dal “cittadino honesto” di turno che gioca a far l’alternativo sulla pelle dei propri figli?

Tra il 2000 e il 2015, scrive Pagina 99, i morti di morbillo nel mondo sono diminuiti del 79%. E perché secondo voi? Perché sempre più organizzazioni umanitarie e sanitarie si sono fatte un mazzo così per portare vaccini in ogni angolo del mondo. Ma il morbillo è una malattia tutto tranne che debellata: la World Health Organization in un suo recente studio ha calcolato che nel 2015 siano morti di morbillo 134 mila minori. Questo perché 20 milioni di bambini non hanno accesso ai vaccini. Mentre in Italia ci sono scienziati pazzi che su Facebook fanno a gara a chi spara la sciocchezza più grande.

Si parla dei nostri figli. Qui, in Italia, in Europa, nel mondo. Si parla di malattie debellate che ritornano: in Spagna e Belgio ci sono stati casi di morte per difterite, e anche la pertosse e la polio stanno tornando a far capolino in Occidente. Non è possibile che le conquiste della modernità, del progresso e della ricerca medica vengano cancellate da degli imbecilli sul web. Perché questa non è libertà di parola, è libertà di demenza.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!