Il populismo si batte affrontandolo a brutto muso

Pubblicità

Di

Domanda 1: Poteva il Paese di Spinoza, di Erasmo, dei coffeeshop e di Cruijff finire in mano a quella strana macchietta che risponde al nome di Geert Wilders? Andiamo, no.

Domanda 2: Perché non l’ha fatto, nonostante i sondaggi dessero Wilders in ascesa costante? Perché in quel paese, stringi stringi, la politica è ancora una cosa seria.

In Inghilterra i conservatori sono sempre più schiacciati sulla politica dello UKIP (e Corbyn ha deciso di non far vincere il Labour per i prossimi vent’anni), in Francia circa i due terzi degli elettori di Fillon voterebbero per Marine Le Pen in un ipotetico ballottaggio contro Macron (con il PS e il giacobino Mélenchon che stanno offrendo uno spettacolo francamente pietoso). In Olanda invece cosa è successo? Beh, è successo che il liberale europeista Mark Rutte ha dato un calcione al populista alle vongole Wilders negando con fermezza nel proprio programma ogni possibilità di uscita dall’Unione Europea e rigettando tutte le burle anti establishment. L’ha fatto perché nei paesi dove c’è una classe politica che si mantiene salda, coerente coi propri valori – siano essi liberali, conservatori o progressisti –, e non cede alla petulanza delle manfrine populiste ci sono gli anticorpi necessari affinché questi imbonitori vengano confinati a ciò che meritano: l’irrilevanza parlamentare. E questo succede non quando li si imita, ma quando li si affronta a brutto muso.

L’impazzimento generale è lungi dall’essere smaltito, sia chiaro. Però qualche piccolo segnale c’è. Prima del voto olandese l’Austria, con la doppia elezione del verde Van Der Bellen alla Presidenza della Repubblica, ha rimesso a posto lo xenofobo Hofer e la sua congrega di nostalgici. In Germania Alternative für Deutschland viene dato in continuo calo. In Spagna Podemos non ha sfondato, arrivando il mese scorso a un congresso/resa dei conti dove poco c’è mancato che volassero le sedie.

Ora tutti i riflettori sono puntati sulla Francia dove a combattere contro la Le Pen, e a rischiare seriamente di spuntarla se arrivasse al ballottaggio con la Dama Nera, c’è un signore che si chiama Emmanuel Macron che è pieno di energia, ha mandato a quel paese destra e sinistra per creare un movimento nuovo, di rottura e che complice il disastroso Fillon e una gauche tra il bizzarro e il masochista, stando ai sondaggi, sta marciando dritto dritto verso il secondo turno. La sua parola d’ordine? “Europa”.

Ma pensa.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!