Insulti sui social? Multa, finalmente!

Pubblicità

Di

Fino a 50 milioni di euro. Ecco quanto rischierebbero di dover pagare i social network nel caso in cui non rimuovessero entro 24 ore dalla segnalazione link o commenti illegali, istigazioni all’odio e fake news diffamatorie.

O almeno, questo è il progetto che – con ottime probabilità di andare in porto – sta portando avanti in Germania il ministro della giustizia Heiko Maas. E ha ragione da vendere. Se si è voluto rendere i social network una naturale evoluzione della piazza – anche se il risultato è più quello di una cloaca -, bisogna rendersi conto che qualsiasi piazza ha le sue regole. Se una persona in piazza Riforma prendesse lo sgabello e iniziasse a inveire volgarmente contro il sindaco, il potere costituito, il mondo intero, insultando per partito preso e sparando balle a raffica prima si chiamerebbe la neuro, poi la polizia. Ecco. Se funziona così in tutto il mondo civile, perché sul web il primo idiota che pesta due tasti è libero di scrivere tutti i deliri che albergano nella sua mente confusa e frustrata?

Si finisce sempre lì, alle “legioni di imbecilli” di Umberto Eco o al Nanni Moretti del “Te lo meriti Alberto Sordi!”. Una volta lo scemo del bar veniva buttato fuori senza tanti complimenti e restituito alla sua bile, oggi sui social network si crea addirittura un seguito. Certo signora mia, i tempi cambiano e se si leggono sempre meno quotidiani e libri il risultato non può che essere questo. Ma le regole sono regole, anche nella piazza virtuale di Facebook.

E se Zuckerberg se ne frega per motivi economici, allora è compito degli Stati occuparsene. Finalmente!

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!