“Nell’astuccio vorrei sempre tutti i colori”

Di

Giardini del porto di Savona: ragazzini cinesi stanno giocando a basket, due bimbi arabi sono in un tubo colorato, i miei mostri sono sullo scivolo, su una panchina un senegalese sta facendo le treccine a delle bimbe.

Spesso si dice che il mondo stia cambiando e che il limite di sopportazione sia ormai superato. Nel mio piccolo non vedo distinzioni, solo ragazzi che si divertono, il pallone va dallo scivolo e i miei vanno nel campo da basket, nel tubo ora ci sono due piccole albanesi che ridono a crepapelle mentre un senegalese cerca di farci entrare il monopattino.

Si parte dal principio, sarà deformazione professionale ma nell’astuccio vorrei sempre tutti i colori!

Cristian Ravera

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!