Non è più tempo di morire

Di

A Londra ci son stato dieci anni fa. Estate 2007. Se c’è una cosa che ricordo piacevolmente di quel viaggio fu la visita guidata all’interno del Palazzo di Westminster. Non si può visitare sempre il parlamento inglese, ma visto che in estate c’è la pausa dei lavori parlamentari fu una ghiotta occasione per un’introduzione alla più antica democrazia del mondo.

Ricordo perfettamente tutti gli aneddoti bizzarri che ci venivano narrati dalla guida e che fanno degli inglesi un popolo unico nel suo genere anche quando si parla di politica. Quando inizia la seduta parlamentare suona una campanella. Questa campanella però non suona solo nel palazzo di Westminster, ma risuona anche nei principali quattro bar in cui i parlamentari usano rintanarsi tra una seduta e l’altra. E la linea bianca da non oltrepassare mai? Due linee bianche di fronte alle due principali tribune del parlamento britannico non devono essere mai superate. Sono poste alla misura esatta per cui se due parlamentari di opposte fazioni fossero arrivati a estrarre la spada non avrebbero potuto incrociare le lame. E soprattutto, nel palazzo di Westminster è vietato morire. Già. Morire. Come quell’attentatore che ieri ha falciato una ventina di persone sul Westminter Bridge e ha ucciso (finora) 5 persone penetrando con un coltello nei giardini del palazzo parlamentare per poi finire ammazzato. Ancora terrorismo, ancora un veicolo usato come arma di morte.

Un anno dopo gli attentati di Bruxelles, città europea per eccellenza. Come a ricordare agli inglesi che, anche con la Brexit, il terrorismo è ancora roba loro, che non basterà la nebbia sulla Manica per isolare il continente, in questa merda ci son dentro fino al collo pure loro, con o senza UE. Un attacco vile, come quelli di Nizza e di Berlino, nel cuore della City, a due passi dal simbolo della democrazia britannica e mondiale.

In queste ore attendiamo la risposta politica da parte della premier May e di tutta la politica britannica. Sperando non si facciano influenzare da quel personaggio raffigurato con una statua celebrativa proprio in quei giardini dove è morto il terrorista di ieri. Non è più tempo di Riccardo cuor di Leone, non è più tempo di crociate. È tempo di non morire, né dentro né fuori Westminster.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!