Spieghiamo al Mattino cos’è la SUPSI

Di

Ci dovrebbe essere un limite alle idiozie, ma evidentemente nella redazione (chiamiamola così…) del Mattino ne sono all’oscuro.

Nella sedicente rubrica delle lettere di ieri, sicuramente per mancanza di spazio e inventiva, ha trovato posto un articolino-ino-ino di cui ci siamo occupati qualche giorno fa, ovvero quello sconclusionato insieme di caratteri firmati da tal “Ghia” che vorrebbe Bertoli a capo della SUPSI e quindi responsabile di quel che vi accade dentro. E allora, visto che perseverano… spieghiamo al Mattino cos’è la SUPSI.

La SUPSI, tanto per iniziare, non è sotto al controllo del DECS. Anzi. La SUPSI è un ente autonomo che si gestisce separatamente dall’amministrazione cantonale sotto tutti i punti di vista. Tra l’altro, è un ordine di scuola retto dal diritto federale, esattamente come i politecnici. Capiamo sia il travaso di bile che li colpisce ogni volta che vedono la faccia di Bertoli, esattamente come capiamo che quando il discorso vira su istruzione, scuola e cultura le loro ginocchia tremino. Ma tanta ignoranza non è giustificata, nemmeno dalla polemichetta sterile che è diventata la loro norma politica.

Però, già che ci siamo, si potrebbe dire che quelli che vorrebbero Bertoli responsabile per quanto succede alla SUPSI dovrebbero coerentemente decidere, o quanto meno proporre, di accorpare la SUPSI al DECS, esattamente come le scuole medie e i licei. Sono d’accordo? Insomma: siamo di fronte a una vera proposta politica o a un redattore, diciamo, distratto?

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!