Un altro folgorato sul treno della speranza

Di

Ma la polizia ferroviaria, e la polizia in genere, quella che fa controlli a tappeto e verifica l’identità di ogni povero disgraziato con una tonalità di pelle più scura del beige, non riesce a evitare che questi disperati si folgorino sui tetti dei Tilo?

Oggi, alle 17:00, un altro uomo è rimasto folgorato dalla corrente dei cavi sul tetto del Tilo che attraversa la frontiera tra Milano e Chiasso. Ora è all’ospedale che combatte tra la vita e la morte. Il treno che per molti è abitudine e che per altri speranza di una vita migliore, sta diventando una specie di bara viaggiante.

Ma è mai possibile che a pochi giorni dal migrante morto bruciato su un treno a Chiasso succeda la stessa cosa? La polizia che persegue con pedanteria, su ordine di Supernorman, i controlli alla frontiera, non è in grado di evitare che questi viaggi di sola andata di illusi migranti, che scappano proprio dai loro controlli abbiano termine?

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!