Vivere verde, vivere nella propria terra

Di

In questi giorni abbiamo visto una divertente iniziativa dei Verdi del Bellinzonese, a dimostrazione che spesso non servono molti soldi per una campagna elettorale ma idee e fantasia.

Ecco allora comparire, in tutti i comuni del comprensorio bellinzonese, delle graziose e colorate installazioni che con i loro colori fungono da pro memoria: come la bicicletta verde, l’emblema della mobilità all’interno della nuova città. Oggetto che richiama spostamenti percorribili sempre più facilmente sulle due ruote, con piste ciclabili adatte, sicure ed efficienti. O il trenino, che rimanda a una migliore efficienza e capillarità del trasporto pubblico. I Verdi auspicano una stazione FFS a Camorino, dei bus più frequenti con dei tragitti sensati su tutto il territorio della nuova Bellinzona, corsie preferenziali e una rete degna del suo nome.

Ma anche l’intreccio di colori su un’inferriata diventa spunto per parlare di arte, come cosa viva e non semplice giacenza museale:

“Pablo Picasso diceva “L’arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità.” È un mezzo per vedere la realtà in maniera diversa. È la rappresentazione del mondo. È l’occhio critico della nostra società. Perché quindi renderla fruibile solo per una minoranza? Perché non favorire la sua arricchente creazione? Avviciniamo la popolazione alle tante opportunità artistiche e culturali che la nostra regione ci offre. Valorizziamoci per noi e per il nostri visitatori.”

Così scrivono i Verdi. Ed è veramente giocosa la panca a Gorduno, con i suoi fiori di carta colorati, che invita a riprendersi il tempo ed a uscire dallo stress della vita quotidiana. Perché la qualità della vita è un valore importante. Ronnie David, candidato al municipio per la lista “Sinistra unita e I Verdi” è portavoce di queste possibilità di evoluzione e cambiamento. Di lui si può dire certo che è un rompiballe, ma è onesto, concreto e crede in quello che fa, in un mondo dove ormai, certi politici ondeggiano di qua e di la come banderuole impazzite.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!