Cippà trasporti e l’ala barricadera

Di

Eccoci di nuovo di fronte a un simpatico siparietto leghista. Stavolta a procurarci divertimento e anche un filo di incazzatura c’è Gianmaria Frapolli, tirapiedi fedele di Boris Bignasca e membro dell’ala “barricadera” della Lega. Perché poi qualche imbecille di giornalista l’abbia chiamata barricadera non si sa, l’ala del Boris vola solo a destra, al punto che gira in cerchio da un pezzo.

Dopo i Siccardi e i Pinoja che ci stanno salvando il culo dai frontalieri con Prima i nostri ma devono, purtroppo, assumerne a carriolate per far funzionare le loro aziende, dopo l’Attilio, che giurava di non assumerne più da due anni e poi è stato sbugiardato dalle Iene che gli hanno trovato un frontaliere (in ufficio, non in cantiere) assunto da due mesi, dopo la Robertina Pantani che amministratrice unica di una ditta asfaltatrice subappaltava a ditte italiane, ecco a voi il barricadero Frapolli.

Frapolli è CFO della ditta di trasporti Cippà. Cos’è il CFO? È il manager responsabile della gestione generale delle attività finanziarie di un’azienda. Una delle cariche più importanti all’interno di una ditta, in questo caso la Cippà, insomma, mica una scartina, ma uno che decide. D’altronde è anche direttore del consiglio di amministrazione. Leggiamo sull’articolo di giornale che la ditta Cippà, tutta fiera, ci annuncia i suoi 50 anni di vita e ci spiega la sua strategia a venire tra cui campeggia “alleanze oltreconfine”. In poche parole, stringere alleanze con altri spedizionieri, anche italiani, e allargare così la rete di competenza.

E qui ci risiamo. Prima i Nostri, Fallitalia, frontalieri = cacca, ma quando per i capoccioni della Lega ci sono da fare i soldi, l’Italia e gli italiani vanno benissimo. Aspettiamo con ansia la prossima notizia in cui qualche altro puro colonnello leghista salterà fuori con l’ennesimo cadavere nell’armadio.

E giusto per precisare: il Gianmaria dell’ala barricadera, oltre che dalla Cippà per cui lavora, prende dei bei soldoni anche dalla citta di Lugano, visto che presenzia nel consiglio di amministrazione della Casinò Lugano SA e in quello delle ARL e delle ARL servizi (autolinee regionali). Ah, è anche nel consiglio della fallitaliosa C.Rent srl di Como: ma guarda te, i soldi italioti si vede che non puzzano se vicini al confine.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!