Fatece ride

Di

Donald Trump, Vladimir Putin, Recep Tayyip Erdogan, Kim Jong-un: figuri che sembrano pescati pari pari da un centro di igiene mentale. Gli stessi che, purtroppo, hanno il ditino posato sui pulsanti dell’Apocalisse. Dovremmo rinchiuderli in una stanza e lasciarli a sfasciarsi di mazzate fra loro. Peccato sia impossibile.

In alternativa, godiamoci un altro avvincente match. Dopo la bufala dei 150 mila riservisti (fonte: mio cugggino), argomentata e difesa dal CEO squadernando un elenco di incarichi e titoli degno della peggiore arroganza di un Grillo (il marchese, non il comico), per la serie “io so’ io e voi non siete un cazzo”, nell’editoriale in prima pagina di ieri arriva la ribellione di chi dovrebbe essere il vero direttore (ma ormai conta meno di un Dillena qualsiasi): “L’onestà intellettuale dovrebbe indurre tutti noi a fermarci davanti a questa linea rossa e a resistere alla tentazione di varcarla con speculazioni, dietrologie, partigianerie o, peggio ancora, teorie complottiste fondate sul nulla o su notizie inventate di sana pianta”. E ancora: “C’è chi stravede per il presidente con il ciuffo. Non siamo tra loro. Non lo siamo stati durante l’insulsa campagna elettorale, non lo siamo ora. Al di là del personaggio e dei suoi modi sguaiati e arroganti, sono i contenuti della sua politica e le macroscopiche carenze quale presidente a suscitare forti preoccupazioni in chi si riconosce nei valori della società aperta, liberale, fondata sul primato del diritto e sul rispetto della persona”.

Wow! Una vera dichiarazione di guerra, tutta interna al “Corriere del Ticino”. Chi la spunterà fra il CEO trumpiano e il “direttore” ribelle? Attendiamo curiosi il primo sangue.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!