Investimenti, non cemento

Di

I resti della Lugano dell’Età del ferro rinvenuti in uno scantinato di Piazza Cioccaro verranno coperti dal cemento dopo essere stati analizzati e studiati a fondo. Chiariamo subito: nessuna polemica. Ci ha infatti convinto quanto detto al CdT l’altroieri da Rossana Cardani Vergnani, capo del Servizio archeologia dell’Ufficio dei beni culturali: “Lasciare tutto a vista avrebbe richiesto un consolidamento di tutte le strutture, un controllo delle fonti di luce (per evitare la creazione di microrganismi e muffe), dell’umidità e della temperatura, che devono essere costanti.

Resta un po’ di amarezza, però. Non si contano, infatti, i siti archeologici all’aperto: ad esempio in Val Camonica, in un parco creato ad hoc, ci sono incisioni rupestri patrimonio storico e di cultura. Certo che costa, basta guardare l’imperizia e la sciagura con cui vengono trattati i resti di Pompei. Ma questi 5 metri per 6 con resti dell’Età del ferro trovati a Lugano avrebbero potuto rappresentare un vero cambio di paradigma: investiamo nella cultura e nella divulgazione. Non è demagogia. Vero, sì, era uno scantinato. Altrettanto vero, sì, era “fuori contesto” come affermato dalla Cardani Vergnani. Ma sarebbe stato bello per delle scuole organizzare delle visite, o creare uno spazio da considerare come punto di partenza.

Dispiace, dispiace tanto che una colata di cemento ricopra nuovamente ciò che è stato sottoterra per più di 2’000 anni. Così è, e i motivi scientifici sono validi. Meno lo sono quelli puramente economici, cioè il costo della manutenzione. Presto bisognerà che la scienza, e dirimpetto l’uomo, capiscano che sempre la scienza e le nuove tecnologie possono essere usate anche per la divulgazione, per la storia, per la cultura.

Anche se in uno scantinato.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!