Scegli: vuoi essere faro o lucina?

Di

So che scrivo per una minoranza. Per pochi. Sembra che chi abbiamo di fronte, complice l’ignoranza diffusa dall’etere, sia forte e invincibile. Sembra che l’oscurità avanzi. Il dialogo è diventato impossibile e spesso trascende nell’odio senza quartiere per la fazione opposta. A volte siamo stanchi, ci sentiamo dei sopravvissuti, ci sentiamo bandiere sfilacciate dal vento.

È per questo che, con il nostro portale, riportiamo certe notizie che potrebbero passare in sordina. Perché abbiamo la presunzione di dare speranza e voglia di reagire. Così abbiamo parlato a lungo del premio “Alpes Ouvertes” assegnato a Lisa Bosia e parliamo ora del premio dell’UNESCO per la pace a Giusi Nicolini.

Giusi vive in una terra splendida circondata da mare di zaffiro. Sulle sue spiagge insieme alle poseidonie strappate dalle mareggiate, si adagiano languidi i corpi ci chi affoga nel Mediterraneo. Giuseppina è la sindaca di Lampedusa, un paese di pescatori, una comunità ai margini dell’Europa che convive e collabora coi rifugiati africani. Se nel ricco Nord, i Salvini sbraitano contro gli immigrati o si erigono barricate per una dozzina di donne e bambini, nell’ultimo baluardo prima dell’Africa la gente vota ed elegge una persona che dell’aiuto e della comprensione nei confronti degli immigrati ha fatto un motivo di esistenza. Le sue genti si fidano di lei, e affrontano il problema con logica, pragmatismo e umanità. Probabilmente, quando ti trovi i cadaveri nelle reti, cambi il tuo atteggiamento nei confronti dei “migranti economici” come amano chiamarli i nostri leghisti. Leghisti ancora più a Nord di Salvini, con meno immigrati eppure ancora più incancreniti, e con loro gli stuoli di lacché e gregari che hanno imparato a memoria la filastrocca.

Ma torniamo a lei, Giuseppina Nicolini, che ha ricevuto il premio insieme all’Ong francese SOS Méditerranée per aver salvato la vita a numerosi rifugiati e migranti e averli accolti con dignità. “Da quando è stata eletta sindaco nel 2012, Nicolini si è distinta per la sua grande umanità e il suo impegno costante nella gestione della crisi dei rifugiati e della loro integrazione dopo l’arrivo di migliaia di rifugiati sulle coste di Lampedusa e altrove in Italia”.

Giusi ha detto: “dedico questo premio a tutti quelli che non ce l’hanno fatta ad attraversare il Mediterraneo”.

Il buio avanza, il razzismo cresce e ci sentiamo fiacchi. Siamo spaventati e impauriti per una società che non riconosciamo più. E allora dico che dovremmo prenderci a sberle e smetterla di trovare scuse. Penso che la lotta contro questo nemico insidioso e oscuro è un dovere, penso che i frignoni possono restare a casa. E a chi si sente stanco e sfiduciato dico: come dovrebbero sentirsi Lisa Bosia, Giusi Nicolini, o Cedric Herou? È in corso una battaglia tra qualcosa di più che due fazioni. È in corso uno scontro tra due visioni dell’umanità. Ed è inutile che vi spieghi quali, sarebbe insultante. Ognuno faccia quello che può, ognuno reagisca. Ogni giorno: sul bus, in ufficio, sui social. Ognuno ribadisca il primato della tolleranza, del buonismo (sì, certo, buonismo) del soccorso a chi è più debole, disperato, senza speranza.

Puoi scegliere se essere un faro o una lucina fioca. Puoi scegliere se essere reale o nascosto nelle tue ansie. La risposta non ce l’ho, è dentro di te. Ma essere stanchi è da codardi. Non te lo puoi permettere. Magari siamo pochi, ma abbiamo un’energia infinita, abbiamo le stelle dentro che illuminano i nostri pensieri, abbiamo l’odore del lentisco e dell’euforbia a indicarci la strada, mentre stanno attaccate con le radici agli scogli di Lampedusa.

Abbiamo i compagni che condividono con noi un’idea meravigliosa del mondo. Che ciò ti basti.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!