Cannabis, servono regolamentazione e informazione

Di

Nell’interessante dibattito a “60 minuti” di ieri sera sulla regolamentazione della cannabis c’era un convitato di pietra, al di là degli ospiti e delle rispettive posizioni: il paternalismo.

Questo convitato di pietra è stato protagonista a più riprese delle argomentazioni di Ugo Cancelli e Paolo Peduzzi, con una morale francamente esagerata a farla da protagonista. Abbiamo assistito a un paternalismo da salviamo i nostri ragazzi dall’incubo della cannetta, un paternalismo da “prima la cannabis, poi la cocaina, poi l’eroina”. Rispetto pienamente le opinioni di Cancelli e Peduzzi, ma il loro non è stato un argomentare, bensì un mix tra negare il problema (la cannabis in mano alla malavita e tagliata, come dice l’Uni di Berna, pure con metalli pesanti) e il noioso spiegare a una persona cosa debba fare della propria vita.

Partiamo da una verità incontrovertibile: la canapa, senza le schifezze con cui viene sempre più spesso mischiata, non è né la cocaina né l’eroina. E partiamo anche da un’altra verità incontrovertibile: una persona, quando non ne danneggia altre, deve essere libera di fare quello che vuole. Ed è qui che entra in gioco il paternalismo di Cancelli e Peduzzi: se una persona vuole farsi una canna, perché gli deve essere negato il diritto di non fumarsi anche metalli pesanti? “Perché quella persona non deve proprio fumarsela, la canna!” è la risposta paternalista. Non è non regolamentandola che il ragazzo o l’adulto non fumeranno più cannabis. Quando si parla di temi così presenti nella nostra società non è permesso usare il paraocchi, quello indossato per esempio da Cancelli quando ha detto che grazie a “Besso Pulita” non ci sono più i “65 spacciatori” che una sera contò in via Besso. Certo, non saranno più lì, ma saranno sicuramente altrove. Not in my backyard, ok, ma il mondo è grande.

Il proibizionismo ha fatto solo dei danni, ha fatto diventare un problema ciò che prima non lo era e arricchito – dovunque – la criminalità organizzata. Non serve la lezione calata dall’alto a chi vuole fumarsi una canna, ma la sicurezza di quello che sta fumando e la piena conoscenza dell’argomento in questione. Una volta che ciò è chiaro, con buona pace di Peduzzi e Cancelli, una persona ha il sacrosanto diritto di far quel che vuole.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!