Difendere la RSI è difendere la Svizzera italiana

Pubblicità

Di

Mai come oggi il ruolo e il futuro stesso del servizio pubblico radiotelevisivo sono stati in discussione. Nella turbinosa rivoluzione in corso nel mondo dei media, e sotto la pressione di non sempre trasparenti interessi economici e ideologici, vi è chi sarebbe felice di vedere scomparire il servizio pubblico, nonostante il suo ruolo cruciale per la coesione nazionale e per il futuro della nostra democrazia”, così inizia il comunicato di presentazione della neonata associazione “Amici della RSI – Per un servizio pubblico radiotelevisivo forte e indipendente”.

Un gruppo di persone “sensibili alla sorte del servizio pubblico” e “preoccupate per il futuro della democrazia” si è trovato – con primi firmatari Mauro Baranzini, Aixa Andreetta, Marco Bertoli, Curzio De Gottardi, Sebastiano Martinoli e Amalia Mirante – per dar vita a un’associazione il cui scopo è sostenere ciò che è un bene indispensabile per tutta la Svizzera italiana: il servizio pubblico e l’esistenza stessa della RSI.

I primi passi di questa Associazione sono l’Assemblea di Fondazione prevista presso l’USI il 30 maggio alle 18:30 e il lancio di un appello, che vi invitiamo a firmare cliccando qui, a favore “di un servizio pubblico forte e indipendente.” Visti i recenti problemi per la lingua italiana emersi con la sentenza del Tf di ieri riguardo all’insegnamento delle lingue in canton Grigioni, il sostegno alla RSI è anche da interpretare come sostegno all’importanza della lingua per noi italofoni.

Per ulteriori informazioni è disponibile l’indirizzo mail info@amicirsi.ch.

 

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!