E poi si lamentano dell’immigrazione

Pubblicità

Di

Che UDC e PLR non abbiano alcuna coerenza è risaputo, ma l’ultima loro trovata a Palazzo Federale ha dell’incredibile.

È notizia di oggi infatti che una maggioranza borghese nella commissione delle finanze del Consiglio nazionale è passata all’attacco dei fondi per l’aiuto allo sviluppo. Dovranno essere decisi in “funzione allo stato delle finanze federali”, scrive la Regione. Tradotto: vanno tagliati. Ed è una decisione sconcertante non solo per i motivi addotti dal PS, cioè che è “un meschino piano d’autorità contro i più bisognosi”, ma soprattutto perché è un autogol.

“Aiuti allo sviluppo” è un modo di dire più concreto e meno sguaiato di ”aiutiamoli a casa loro”, ma a concetto siamo lì. Questi soldi, destinati alla cooperazione e, appunto, allo sviluppo servono – nei limiti del possibile – a migliorare le condizioni dei Paesi da dove migliaia di disperati partono e sfidano scafisti e onde del mare per trovare salvezza, futuro, tranquillità. Non sono soldi regalati così per sport, ma sono concreti aiuti a popolazioni in difficoltà.

È lo stesso discorso della vendita delle armi a paesi in guerra denunciata a più riprese da Amnesty International Svizzera: perché ti lamenti dell’immigrazione se, ai paesi da cui provengono questi disperati, prima vendi armi e poi tagli i fondi allo sviluppo?

Oltreché essere inqualificabile sul piano etico, questa offensiva di UDC e PLR mostra una volta per tutte in che mani siamo anche sul piano di pura conoscenza del mondo e dei suoi meccanismi. E no, non ci sentiamo tanto sicuri.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!