È un massacro

Di

3’600 miliardi di dollari da tagliare nel sociale; 800 miliardi di dollari da tagliare nel solo Medicaid, il programma sanitario a tutela di persone e famiglie a basso reddito; 192 miliardi da tagliare alla voce del sostegno alla nutrizione, sempre dei meno abbienti; 272 saranno i miliardi cui dovrà fare a meno il welfare nel suo insieme; 72 miliardi, invece, saranno quelli tolti per i disabili.

Un livello di crudeltà inimmaginabile”, così Hillary Clinton – partecipando a un evento di Children’s Health Fund – ha commentato il budget per i prossimi 10 anni che Donald Trump ha presentato al Congresso. Se non stupisce lo sdegno della sua rivale, che sempre ha denunciato il programma e le intenzioni di Trump, sono fuori luogo e confinabili al brusio di sottofondo i lamenti di chi ha fatto di tutto per indebolire la candidatura dei Democratici. E in questa categoria spicca quella parte di sinistra afflitta dalla sindrome di Peter Pan, che ha protestato contro la “donna di Wall Street e dell’establishment” salvo poi trovarsi, oggi, con petrolieri, miliardari e uomini di Goldman Sachs nei posti di comando e 3’600 miliardi di tagli nel sociale previsti.

È inutile urlare contro la destra, protestare, indignarsi. Perché tutti sapevano cosa sarebbe successo se avesse vinto Trump: sarebbe partita una gara tra un presidente bullo e una maggioranza repubblicana che vuole essere ancora più dura del Presidente. Il programma del Partito repubblicano era infatti chiarissimo, cristallino. In tutti i suoi punti. I risultati danno ragione a chi temeva il peggio.

Alcuni, in nome di non si sa bene cosa, hanno preferito indebolire l’unico argine a questa catastrofe. Liberissimi. Ma ci evitino, oggi, lacrime insincere e proclami indignati.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!