Gobbi, un genio nel pigliare per il naso i ticinesi

Di

Il Ticino è piccolo ed “è praticamente impossibile che le persone non si conoscano”. Questa è la risposta reale, e non fittizia o inventata, del DI di Gobbi a un’interrogazione di Pronzini.

Norman, dai, sei una sagoma, ci tiri per il culo che è un piacere. Pronzini che, diciamolo fuori dai denti, è ancora uno di quei fessi che si illude abbia un senso fare queste interpellanze, chiedeva come mai stampavi le cartelle dal tuo amico Dazzi, quelle della tombola sai… insomma, un mandatino statale da tot decine di migliaia di franchi, mica cipollotti boretani. E te cosa rispondi? Che il Ticino è piccolo e tutti si conoscono. Grande Norman, il clientelismo da noi praticamente non esiste, si annulla da solo. Tanto ci conosciamo tutti, è impossibile fare un concorso, inevitabilmente l’appalto lo dai a un tuo amico. Ne avevamo parlato il 28 marzo di quest’anno. Poco più di 230’000 francuzzi di appalto deliberati a una tipografia gestita dall’ex socio di Gobbi.

Ma il Ticino è piccolo, lo sappiamo bene noi. Come fai ad andare in giro senza incontrare uno con cui hai fatto il militare, o un cugino, o un amico di tua mamma. Insomma, il Ticino è un grosso cestone incestuoso pieno di lumache che si sbavano addosso l’una con l’altra. Pieno di gente che si conosce, che ha legami di parentela, amicizia, lavoro. Come minchia fai a dare via un mandato di 230’000 franchi a uno che non conosci? Impossibile!

Ma perché il governo ha trasferito il mandato agli amici di Gobbi? “Per il Governo (Gobbi NdR) è necessario ridurre i rischi operativi, assicurarsi una forma di backup, avere più partner in grado di assicurare questo prodotto”

Eh? Cosa? Backup? Mica capito, spiegalo a noi deficienti in parole normali, Norman. Uno deve stampare delle cartelle con su i numerini. Non è la zecca dello Stato. Non richiede particolari abilità o nascosti talenti. Te lo dico io che sono nel settore? Qualsiasi tipografia può stampare le tue cartelle. Ce ne sono decine e decine di tipografie in Ticino, e buona parte di quelle per un mandato da 230’000 franchi venderebbe la madre al mercato.

Continua a venderci palle allegramente Norman, tanto i tuoi continueranno a votarti. Grande Norman, viva Norman. L’eroe della gente.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!