“Le parole al vento di Trump”

Pubblicità

Di

Dal CdT online:

MARCELLO FOA – Che dire del Trump di questi giorni? Aspettando il G7 di Taormina, direi che sbaglia due volte.

Marcello Foa si accorge (come molti di quelli che l’hanno votato) che le promesse del Donald (come ogni promessa populista) sono parole al vento: sostegno ai Sauditi filo-terroristi, filo-ISIS, e preventivo pro militare, pro ricchi e contro i poveri.

Non ha ancora capito che Obama, stava aprendo il gioco all’Iran, potenza che in prospettiva sembra più democratica e affidabile.

Mettendo tutti (tranne Trump per ora) nel minestrone establishment ecc., Foa non coglie le importanti differenze all’interno dei gruppi di potere negli USA. Obama era per l’assicurazione malattia, per la protezione del clima, per il ricupero dell’Iran ecc. Questo non ne fa un rivoluzionario e neanche un socialdemocratico. Ma un rappresentante dell’ala più interessante dei «poteri forti» USA, questo sì.

Trump si rivela invece quello che (quasi) tutti sapevano: uno che vuole il potere per sé stesso e non sa bene che cosa farsene. Che stia già pensando di tornare volontariamente alla speculazione edilizia che gli ha dato tante soddisfazioni?

Carlo Lepori

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!