Lega in un cul-de… sac

Di

Non abbiamo mai creduto alla storia della Lega istituzionale da una parte e dell’ala barricadera dall’altra. Non lo abbiamo mai fatto perché la storia del poliziotto buono e di quello cattivo è vecchia, e anche perché la strategia è sempre stata quella di portare i volti più presentabili – come Claudio Zali – a ricevere complimenti (e voti) in altre aree.

Eppure la questione della tassa sul sacco, accettata oggi dal 58,2% dei votanti, rischia di diventare, per il movimento di via Monte Boglia, un autentico fattore di instabilità. Bravissimi – al contrario della sinistra – nel lavare i panni sporchi in casa e non far uscire uno spiffero, i leghisti questa volta si sono confrontati non con un tema qualsiasi, ma con Il Tema per antonomasia: la tassa sul sacco, appunto. Boris Bignasca questa mattina su Facebook ha ringraziato i suoi dedicando la battaglia a suo padre. Con questa tassa sul “fetido balzello” promossa da un Consigliere di Stato leghista, votata anche da larga parte della truppa leghista in Gran Consiglio e appoggiata tra gli altri da Gobbi, Borradori, Foletti e Caverzasio, nella Lega si è consumata una battaglia interna non indifferente.

Questa vittoria – anzi, più che vittoria bisognerebbe chiamarla “legalità ristabilita” – mette sì in minoranza l’ala barricadera, soprattutto quella del “villaggio gallico in riva al Ceresio”, ma porta con sé un altro dato importante: quello relativo a Marco Borradori. La sua Lugano, infatti, non l’ha seguito facendo arrivare i favorevoli a un misero 35,7%. Vittoria di Pirro per l’ala “istituzionale” luganese? Scricchiolii che si faranno sempre più forti? Notte dei lunghi coltelli in vista? Vedremo.

Ciò che è importante è notare come, uscendo dalle questioni tribali leghiste, il Ticino sia tornato nell’alveo della legalità. Di questi tempi, è già qualcosa.

Bene così.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!