Macron all’Eliseo, popolo batte populismo

Di

In questo ballottaggio il cui esito non era scontato solo per Marcello Foa – a proposito, complimentoni! –, contavano soprattutto le proporzioni della vittoria di Emmanuel Macron: il 65,5% di cui è accreditato il candidato di En Marche! alle 20:45 spiega più delle tante, troppe parole spese in queste ultime due settimane l’animo ancora profondamente repubblicano della Francia.

Su due temi, questa sera, avrebbero potuto spingere i lepenisti: l’astensione e lo score della candidata del Front National. Naufragio in arrivo: l’astensione è stata solo del 4% più alta rispetto al ballottaggio del 2002 tra Jacques Chirac e Le Pen padre, mentre il non raggiungere neanche il 35% è per Marine Le Pen una secca, bruciante sconfitta. E le schede bianche, tanto minacciate dai seguaci di Mélenchon? Uno scarso 8,8%.

Da domani tutti contro tutti, le Legislative di giugno sono dietro l’angolo. Ma oggi la Francia ha saputo unirsi per il bene supremo: la République. Popolo batte populismo, appunto.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!