Salviamo le nostre targhe!

Di

L’ambita targa TI 9 è stata assegnata all’asta ad un prezzo di 80 mila franchi! Un Norman Gobbi gongolante appare in foto a fianco del giovane che si è appena concesso il costoso sfizio.

Il nostrano difensore dei confini elvetici avrebbe riso meno se solo si fosse reso conto che la preziosa targa ticinese era appena finita in mano ad un imprenditore varesotto. Sarà pure un ricco rampollo di una famiglia con alle spalle un secolo di tradizione industriale, ma per i leghisti nostrani resta comunque un “taglian”. Non di quelli che se ne stanno nella loro “Fallitalia”. NO. Uno tra quella moltitudine di “italioti” che ci intasano le strade,  ci “rubano” il lavoro e “invadono” il NOSTRO Ticino.

Pare che Lorenzo Quadri stia già correndo ai ripari: proporrà al Consiglio federale di introdurre severe restrizioni e esami attitudinali per la concessione di targhe svizzere agli stranieri e la possibilità di revoca in caso di infrazione delle norme di circolazione. Prima i nostri!

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!