“Urli di dolore, ti senti cadere, e poi ricomincia”

Di

Esistono battaglie che non dovrebbero esistere. Lascia una strana sensazione scrivere, o leggere, qualcosa tipo “battaglia per i diritti”. I diritti sono diritti, tutti. E in un mondo non dico bello, ma quantomeno decente, non si dovrebbe lottare per vederli riconosciuti: dovrebbero essere un dato di fatto, come l’acqua che bagna e il sole che scalda. Invece no.

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia: il 17 maggio 1990 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha depennato l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali. Essere semplicemente se stessi era considerato una devianza, e non nelle bettole di periferia o nella crassa ignoranza: ufficialmente. Passi avanti ne sono stati fatti? Insomma. Due persone dello stesso sesso sono sovente ritenute incapaci di crescere un bambino, educarlo, renderlo forte e felice. Due persone dello stesso sesso che si amano e stanno insieme in ancora troppi posti non possono sposarsi, non possono assistersi da anziani. Due persone dello stesso sesso che si amano sono ancora vittime di battute, pregiudizi, amenità e bassezze stupide e odiose. In 81 nazioni non possono vivere liberamente, in 11 c’è la pena di morte. Oggi, in Indonesia, una coppia gay sorpresa nella stessa stanza è stata condannata a 85 bastonate sulla pubblica piazza. E poi c’è la Cecenia.

Nel silenzio/assenso della Russia di un Putin ritenuto da menti bizzarre e fantasiose salvatore dei valori occidentali, in Cecenia i gay vengono rinchiusi in autentici lager e torturati. Soprattutto con l’elettricità. “Vedi che iniziano a girare la manovella, e sai che arriverà, e quando arriva il tuo corpo inizia a tremare, sai cos’è perché ci sei già passato, ma non capisci più cosa succede, urli di dolore che ti scoppia la gola, ti senti cadere, e poi ricomincia”, questo, assieme ad altre cose agghiaccianti, ha detto a L’Espresso un ragazzo che da quei lager è riuscito a scappare. Tre associazioni LGBT francesi – Stop Homophobie, Mousse e Comité Hidao France – ieri, davanti alla Corte Penale Internazionale, hanno denunciato il presidente ceceno Kadyrov per genocidio. Nel 2017.

Sarebbe bello chiudere dicendo che magari migliorerà, che i diritti aumenteranno, che le vite degli omosessuali, dei trans e di tutte le minoranze un giorno varranno – per tutti e in tutti gli ambiti – come quelle di un banalissimo etero. Davanti all’ottusità e all’ignoranza c’è poco da fare, se non essere tutti solidali. Non esistono diritti miei, tuoi, nostri, loro: esistono i diritti, punto. E lanciarsi in questa grande battaglia di libertà è un atto non solo di solidarietà, ma di giustizia.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!