Vittime della pubblicità

Pubblicità

Di

Che siamo vittime della pubblicità lo diciamo dagli anni ’50. Qui però, oltre alle vittime, ci sono gli effetti collaterali. Lo vediamo in queste due simpatiche perle digitali dove agli articoli vengono accostate le pubblicità, appunto. Pubblicità che si alternano in automatico sul portale. Ovvio che il cliente non ha margine nel decidere a che articoli accostare la sua immagine. Raggiungiamo così notevoli picchi di comicità involontaria.

In questo caso, l’articolo su Tamara Merlo defenestrata dai Verdi e quello sulla Camera di commercio accostata alle mafie. Insomma, non sempre la pubblicità fa un bel servizio al cliente.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!