La Brexit, un anno dopo

Di

Un anno fa, al risveglio abbiamo scoperto che i primi exit poll e le prime proiezioni erano sbagliate: il Regno Unito aveva deciso di uscire dall’Unione Europea. Gli anti tutto stapparono champagne, pardon, birra festeggiando. I filo europeisti iniziarono a far di conto e capire cosa sarebbe successo. Un anno dopo, a che punto siamo?

Theresa May, che era schierata per il remain, dopo aver accoltellato alle spalle Boris Johnson e Micheal Gove ha sostituito Cameron al 10 di Downing Street, iniziando subito a parlare di “hard Brexit”. Dura e pura, fuori. La sua maggioranza parlamentare, però, non era robusta. Anzi, al proprio interno contava anche numerosi conservatori contrari alla Brexit. Sicché, una May che si credeva Thatcher – pia illusione – dopo averlo negato per mesi ha convocato le elezioni anticipate. Ed effettivamente aveva il vento in poppa: quale occasione migliore per rimpolpare la propria maggioranza e avere un po’ più di forza nelle trattative con Bruxelles? La mano è stata giocata male. Da un lato, May si è dimostrata pessima candidata e portatrice di un programma, anche riguardo al fronte interno, troppo rigido (vedi Dementia tax), dall’altro la concorrenza si è fatta vivace. Corbyn, al netto dei 56 seggi presi in meno di May, ha fatto breccia tra i giovani; l’inossidabile Tony Blair ha visto premiata la sua strategia di cercare tra le candidature di ogni seggio la persona più aperta a una “soft Brexit” e votare quella. Theresa May è così passata da una maggioranza risicata a una inesistente, che potrà trovare solo alleandosi con degli estremisti di destra e antiabortisti nordirlandesi.

In questo discorso la Brexit e il suo sviluppo sono stati fondamentali. Gli ambienti economici, imprenditoriali e industriali, la società civile, elettori accortisi troppo tardi delle balle raccontate da Johnson e Farage durante la campagna elettorale, sono stati gli attori principali del tracollo di Theresa May e del suo progetto di andare a Bruxelles a gestire le trattande secondo i propri desideri. Si sono accorti che l’industria le sovvenzioni non le avrà in eterno, e prima o poi molta parte delocalizzerà; si sono accorti che i milioni di sterline da deviare dall’UE al Servizio sanitario nazionale non sono mai esistiti e mai esisteranno, anzi, la sanità annaspa ogni giorno di più e non certo per colpa dell’UE; nelle campagne si sono accorti che, oltre non sapere come è fatto fisiognomicamente uno straniero, senza UE spariranno i fondi all’agricoltura con molti auguri per tutti. E a completamento del tutto, non va dimenticato come le trattative con un’Unione Europea rinforzata da Macron e dalla sconfitta dei populismi in Olanda, Spagna e Francia si facciano sempre più complicate, e vedano May sempre più isolata.

Il vero problema della Brexit è che una campagna elettorale intossicata dalle balle dei leavers ha portato ad affrontare il dibattito dopo il voto, non prima. Con tutte le conseguenze e le incertezze oggi sotto gli occhi di tutti.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!