“La cena l’ha pagata lui”

Di

La faccio corta. Ha 19 anni, ha lasciato l’Afghanistan quando ne aveva 14 dopo che suo padre è stato ammazzato dai talebani. Poi ha lavorato due anni in Iran e due in Turchia. Dalla Svizzera lo abbiamo buttato fuori sedici mesi fa. Per la precisione lo abbiamo arrestato alle 5 del mattino, lo abbiamo portato prima a Cadro e poi si è fatto un mese di carcere di rigore a Realta. Poi gli abbiamo dato un biglietto del treno per la Germania. In Germania vive in un campo in periferia, in prossimità di quella che sembra una centrale nucleare. La cosa buffa è che gli hanno dato una notizia negativa. Forse dovrà tornare… dove?
Suo fratello è a Basilea. Mi sale un vaffanculo potente. È un sistema che fa schifo. 

Ps. La cena l’ha voluta pagare lui a tutti i costi, ma proprio non c’è stato modo che pagassi io. Mi vergogno di noi europei. A 14 anni i nostri ragazzini scelgono il gioco da mettere nella PlayStation, non mettono a rischio la propria vita.

Lisa Bosia Mirra

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!