Perché la Lega è contro l’Accordo fiscale sui frontalieri?

Di

Sono furibondo”, disse Norman Gobbi in conferenza stampa quando si accorse che in casa sua, al dipartimento delle Istituzioni, i permessi venivano distribuiti a pioggia; “su tutte le furie”, si è definito sempre Gobbi ieri pomeriggio per la decisione collegiale del governo di togliere l’obbligo di presentare il casellario giudiziale a chi chiede un permesso B o G per arrivare al nuovo Accordo sulla fiscalità dei frontalieri con l’Italia.

La decisione presa dal Consiglio di Stato è stata lungamente caldeggiata dal Consiglio federale. Sia Ueli Maurer, ex presidente UDC del quale non si sospettano certo amicizie o interessi con l’Italia, sia più recentemente Doris Leuthard sono intervenuti in questo senso. Basterebbe solo questo per far franare il terreno sotto i piedi di chi, avventato, ha gridato al tradimento. Siccome è bene essere precisi nelle analisi, occorre notare come al di là della reazione puramente acchiappavoti di Gobbi, questo nuovo accordo sia la prima, vera misura antidumping. Solo grazie a questo provvedimento, le casse del cantone beneficeranno di 10-15 milioni all’anno in più. Al contempo, viene annullato il privilegio fiscale del frontaliere italiano rispetto al lavoratore italiano tout court. Chiunque arriva a comprendere come i frontalieri ne escano fortemente penalizzati, e prova ne è la loro gran protesta. È lecito a questo punto chiedersi perché la Lega e Gobbi siano altrettanto arrabbiati: i frontalieri non erano un problema?

L’obiezione che viene mossa è che per raggiungere questo accordo la Svizzera si sia svenduta e che la sicurezza sia in pericolo. Ora, definire pericoloso che non venga più ritenuto obbligatorio presentare il casellario quando due nazi riescono a cancellare l’evento di una discoteca con un volantino appare francamente ridicolo. Primo perché il dipartimento delle Istituzioni è l’ultimo che può proferire verbo riguardo ai permessi – visto il caos del quale non abbiamo ancora avuto soluzione, dato che sulla faccenda non si è più sentito dire niente –, secondo perché in caso di dubbi o bisogno di approfondire il casellario verrà richiesto comunque. L’obbligo non sarà più “sistematico”, infatti.

L’impressione che abbiamo è che, ancora una volta, la Lega dei Ticinesi stia prendendo in giro tutti noi e che il suo fan club sia pronto – oltre ad augurarsi l’impiccagione di Bertoli, Vitta e Beltraminelli come raccontato ieri sera – a bersi ogni parola del verbo di via Monte Boglia. La politica è compromesso, trattativa, diplomazia. Elencare queste tre virtù pensando a Norman Gobbi suscita il sorriso, ce ne rendiamo conto. Ma è così. Se non ci aspettiamo che l’elettorato leghista lo capisca, il minimo che dobbiamo pretendere è che lo faccia una persona che è stata candidata al Consiglio federale.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!