Revoca del Governo? La solita panzana

Pubblicità

Di

Alle smargiassate, ai volta faccia, al qui lo dico e qui lo nego la Lega ci ha abituati fin dalla sua nascita. Il presidente a vita Giuliano Bignasca in questo era un maestro. E ha fatto scuola.

Basta sfogliare un qualsiasi numero del Mattino della domenica o leggere le panzane del figlio Boris per rendersene conto. Deve essersene accorto anche il coordinatore del movimento, il buon Attilio, che, confrontato al nipote, sembra un mite di cuore. E deve aver pensato che qualche sonora balla doveva inventarsela anche lui, tanto per stare al passo con i duri e puri. E c’è da credere che, per rafforzarsi nello spirito che era del Nano, sia andato a sfogliare i vecchi numeri del “vangelo leghista”, il Mattino appunto. “La revoca del Governo è un diritto”, deve aver letto negli articoli del fratello, quando tuonava: “Comunque state certi che noi non vi imbrogliamo, e se entriamo in Governo gliela diamo noi la cosiddetta collegialità“. Perché “l’è ura da finila da contaa su bal” e aggiungeva,“bastano 15 mila firme per buttar giù il Governo”. Già, la revoca del Governo, una grande trovata.

Perché, tornava alla carica il Nano, “a mali estremi, estremi rimedi” e quindi, “per contrastare la politica anti-Lega praticata dal Consiglio di Stato e per evitare che i Partiti continuino incontrastati a fare il bello e il brutto tempo a loro piacimento, per impedire che il Gran Consiglio sia ridotto a semplice ufficio postale dell’Esecutivo, per poter proporre una politica sociale ed economica più giusta per il nostro paese e la sua gente, per ridare alle cittadine e ai cittadini la dignità perduta, ma soprattutto per mantenere le promesse fatte dalla Lega dei Ticinesi, visto che il dialogo è pressoché impossibile, REVOCHIAMO IL GOVERNO!” Il Mattino aveva pubblicato anche un tagliando da sottoscrivere e rinviare alla redazione: “Voglio la revoca del Governo”. Ma sul numero delle risposte non si è mai saputo niente.

L’entusiasmo leghista per “mandarli tutti a casa” è poi andato scemando. Tanto che, quando quell’idea balzana è venuta anche a qualche testa UDC più calda delle altre, lo stesso Bignasca si è prodigato in una acrobatica capriola e si è subito tirato indietro: “Se l’UDC vuole imbarcarsi nell’avventura di revocare il Consiglio di Stato sappia che non spenderemo un centesimo per raccogliere una delle 15 mila firme necessarie a sottoporre il tema al voto popolare!!! (…) Qui non si tratta di chiedere una legge sulla trasparenza. Si tratta di convincere i ticinesi a mettere la loro firma sotto una richiesta di revoca del Consiglio di Stato! Cosa leggermente diversa e, diciamolo pure, più impegnativa!

Insomma, prima fanno i gradassi poi, appena tramano le gambe, mollano tutto… E le smargiassate del buon Attilio? Se Nano mi da tanto, anche lui farà presto… il salto della quaglia.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!