Una rettifica che rende onore

Di

Questa mattina Fabio Pontiggia ha rotto il silenzio e ha coraggiosamente deciso di pubblicare una sua rettifica riguardo alla bufala dei documenti della Polizia tedesca, poi rivelatisi falsi, pubblicata il 20 giugno dal Corriere e smascherata dai nostri articoli.

Coraggiosamente, sì. Perché se erano dovute le spiegazioni non erano dovuti né i contenuti della rettifica, né le scuse così sincere, né, soprattutto, la pubblicazione in prima pagina. Il giornalismo si basa sulla fiducia. Ammettere di aver sbagliato, e farlo in questa misura, rende onore a Fabio Pontiggia e al Corriere del Ticino, giornale pieno di ottimi e validi redattori che nulla c’entrano con bufale come questa della BKA, come quella dei 150 mila riservisti o quella dei video dell’Isis fatti dal Pentagono. Pontiggia oggi, scusandosi, ha difeso sia il suo onore sia quello della sua redazione.

La speranza è che il dibattito nato su questo caso, che ha avuto molto seguito nell’opinione pubblica ed è sfociato in questa rettifica, sia d’insegnamento sull’importanza, oggi più che mai, del non diffondere notizie false le quali, prima ancora che sui governi o sulle persone coinvolte, gettano discredito e fango su chi le pubblica.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!