Capitani coraggiosi

Pubblicità

Di

Vince la linea della lotta. Vince la dignità dei lavoratori della società Navigazione Lago Maggiore. Ripristinato il loro ruolo, con lo stesso stipendio e cassa pensione. Contratto assicurato per un anno e negoziazione di un nuovo contratto nel 2019.

Dovevano andare a lavorare. Non dovevano fare l’italianata di scioperare. I bravi cittadini li guardavano storto, insieme alle élites liberali e leghiste, élites con la pancia piena, come ha detto qualcuno, persone da 200 e passa mila franchi all’anno che facevano la morale ai licenziati. Persone che non avevano ricevuto una lettera di licenziamento e non avevano sentito l’ansia calare come una nebbia nell’anima.

Oggi l’ostinazione dei marinai della navigazione, dei pirati, come li avevano soprannominati, ha vinto. L’accordo ci sarà, torneranno finalmente a lavorare. Alla faccia dei Caprara, dei Frapolli e dei Gobbi.

La lotta sindacale seria e unita di UNIA, OCST e SEV, ha dimostrato che se c’è qualcuno che può fare la differenza sono i sindacati. Uniti, con la gente e con i lavoratori. La lotta umile, decisa e senza paura, o magari con una gran paura ma con tanto coraggio.

E un bravo va ai lavoratori della navigazione, perché scioperare quando il mondo ti crolla addosso e certi pappafichi ti dicono di piantarla non è facile. In piazza con loro, oltre ai sindacati i socialisti: Righini, Durisch, Carobbio, Sirica e tanti altri, non me ne vogliano se non li ho citati. E tanta gente comune che ha firmato per sostenerli. 13’500 firme in 10 giorni. Roba da matti. Perché la sinistra ai diritti dei lavoratori ci crede, ce l’ha nel DNA. E forse oggi ci siamo ricordati che la lotta può essere bella, emozionante anche se pericolosa, ma soprattutto abbiamo capito cosa possiamo fare uniti.

Si è semplicemente felici, perché per una volta si è potuto fare la differenza, anche grazie al Consiglio di Stato che ha reagito con prontezza e ha cercato con grande fatica una soluzione. Domani magari saremo qui a criticarli, a saltare loro addosso, ma oggi no, oggi hanno diritto anche loro di gioire perché 34 persone e le loro famiglie riescono a vedere l’alba dopo una notte buia e tempestosa.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!