Il razzismo è roba da biondi

Di

Pochi dubbi ci sono sulla mia fede politica. Che in fondo si riassume nella difesa dei più deboli, nella lotta al razzismo e nell’avversione ai disastri del liberismo. Il fascismo e il nazismo sono i naturali antagonisti di questo pensiero. E se per il nazismo non c’è quartiere, nella sua folle lucidità, un occhio diverso si rivolge al fascismo.

Spiego. Il fascismo, regime dispotico e autoritario aveva (una volta) delle differenze fondamentali dal nazismo. Quelli che oggi berciano in raduni seminascosti e inneggiano a Mussolini, sono solo gracili e deformi cuccioli che hanno estrapolato una loro realtà, usando simboli che spesso non capiscono nemmeno.

Una delle grandi fratture tra i due regimi totalitari di destra che hanno contraddistinto il ‘900 sono l’arte e l’architettura. Se la Germania di Hitler bruciava in piazza l’“arte degenerata” e faceva fuggire i fondatori della Bauhaus, uno dei movimenti artistici più influenti del secolo, il fascismo di Mussolini esaltava la modernità con correnti artistiche deflagranti. Movimenti come il futurismo, che ebbe in Boccioni e Marinetti i suoi esponenti più esuberanti. Anche l’architettura del ventennio, imponente, scabra e letale, raccontava qualcosa di nascosto, che andava oltre l’ideologia. I palazzi monumentali in travertino di Roma, Milano e Torino, le tele di Marinetti, le sculture di Balla raccontano la fame di un’Italia che voleva uscire da vetuste regole per raggiungere la modernità agognata e se la guerra ne era la portavoce che venisse per spazzare il vecchiume. Dove la Germania si rifaceva ai nibelunghi, il futurismo inneggiava alla ferrovia e all’aviazione come ideali di potenza e modernità.

Ma anche la questione razziale, ebbe differenti evoluzioni. Emblematica è una frase di Mussolini, che molti fascistelli di oggi dovrebbero ricordare. Frase che il duce disse a Indro Montanelli che, allora giovane giornalista de L’Universale, aveva scritto un articolo antirazzista: “Avete fatto benissimo a scrivere quell’articolo, il razzismo è roba da biondi

A volte si rimpiange quella destra degli anni passati, crudele, infida e letale a volte, dignitosa coraggiosa e futurista tal altre. Il razzismo, nonostante tutto, era roba per i tedeschi. Gli italici non dovrebbero avere nel DNA la cattiveria che vediamo oggi. E men che meno i Ticinesi, che durante il Risorgimento accolsero i ribelli al regime Austroungarico. Ma la storia, si sa, è per pochi, poveri polli come me.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!