Il riscaldamento globale e le migrazioni di massa

Di

Come spesso accade, l’essenziale passa in secondo piano. Così è successo che, in mezzo a tante chiacchiere, sia passata in sordina l’unica dichiarazione importante uscita dal recente G20 di Amburgo.

Il riscaldamento globale va combattuto con forza, perché è una delle principali cause dei fenomeni migratori cui stiamo assistendo. Lo ha detto Emmanuel Macron, e il fatto che suoni come rivoluzionaria un’argomentazione che in fondo non lo è dà la misura della situazione. Già nel 2010 uno studio di Maplecroft affermava come in breve tempo il frutto del riscaldamento globale e della desertificazione porterà a migrazioni mai viste. Studi scientifici ed analisi geopolitiche hanno dimostrato come la desertificazione abbia portato carenza di beni di prima necessità aumentando corruzione, fragilità socio-politica e, va da sé, guerre e ascesa dei ricchi signori delle armi.

Sempre più aree del Corno d’Africa, del Pakistan, del Bangladesh – per fare solo alcuni esempi – sono confrontate con l’incremento delle temperature e gli stravolgimenti del paesaggio. Intere zone dove magari prima un fiume garantiva approvvigionamento di acqua, o dove una volta c’era tranquillità e ora tifoni o piogge torrenziali distruggono ogni coltivazione quando non le abitazioni, oggi sono abbandonate da gente in fuga.

Il pressapochismo con il quale viene trattato il tema del riscaldamento globale e l’insostenibile posizione degli Stati Uniti riguardo agli Accordi di Parigi sono il risultato di anni e anni passati a sottovalutare la questione, a non preoccuparsi di accadimenti e fenomeni lontani migliaia di chilometri. E come riguardo alla vendita delle armi, come riguardo alle “guerre giuste”, come riguardo ai finanziamenti a figure poco raccomandabili oggi capiamo l’errore commesso. Errore che dovrebbe essere d’insegnamento, ma che a ben guardare gli attuali orientamenti non sembra verrà affrontato né nel modo giusto, né con rapidità.

Intanto la gente continuerà a scappare, intanto in zone d’Europa, non del Sudan, si raziona l’acqua, intanto noi continueremo a lamentarci. Ma di cosa? – verrebbe da chiedersi.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!