La LIA di Zali non serve a niente

Pubblicità

Di

No, non è vero quello che si è letto stamattina: la LIA non sta funzionando. E a dirlo sono gli stessi dati dell’Ufficio cantonale di statistica usati, tirandoli e forzandoli senza pietà, dal GdP in prima battuta e, poi, da Ticinonews.

“Crollano i padroncini”, scrive quest’ultimo. Ed effettivamente i numeri sono chiari: il calo è di un migliaio di persone, pari al 36,5%. Un trionfo? No. Perché nell’ultima riga, quella che al lettore convinto che il Ticino sia la nuova Silicon Valley con dati occupazionali che neanche in Scandinavia ormai non interessa e nemmeno leggerà, scopriamo l’altro lato della medaglia: i lavoratori esteri assunti in modo temporaneo sono cresciuti del 20,7%. In sintesi: la LIA non funziona proprio per niente, e questi dati dicono semplicemente come sia stato tolto sì dalla tasca sinistra, ma che quasi la metà di ciò che è stato tolto sia immediatamente rientrato nella tasca destra.

La cosa ancora più grave, però, è il sottinteso che emerge dai dati del primo semestre del 2017. Chi viene a lavorare da fuori ha trovato vari escamotages per continuare senza problemi nonostante l’Albo LIA, escamotages che invece non ci sono per le ditte locali, che a distanza di mesi, e dopo un calvario di procedure, devono ancora fornire documenti, affrontare problemi burocratici e disagi di ogni tipo. In alcuni casi a conoscenza della redazione, ditte che hanno presentato da mesi tutti i documenti necessari non risultano ancora iscritte all’Albo.

Se è così che Claudio Zali intendeva difendere i nostri lavoratori, il fallimento è evidente e prima ancora delle analisi a dirlo sono i numeri. Molto più forti delle post verità in salsa ticinese.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!