Supponente ignoranza giovanile

Di

In Ticino siamo abituati a vedere la sezione giovanile del PLR che approfitta dell’estate per rilassarsi con simpatici tornei di beachvolley e qualche birretta.

I loro omologhi d’Oltralpe si sono invece lanciati in una spericolata impresa:  stabilire graduatorie e gerarchie di abominio tra le varie dittature del XX secolo. Ignari del rischio, si sono addirittura cimentati nell’acrobatico tentativo di dividerli in due categorie (“destra” e “sinistra”) sottintendendone un diverso grado di gravità per l’Umanità. Sono partite sonore pernacchie, e il goffo soccorso di qualche amico, a seguito della catalogazione di Hitler e Mussolini nella categoria di “dittatori di sinistra”.

Non vogliamo infierire, ma piuttosto invitare i rampolli di questo storico partito, che contribuì a fare grande il Paese (non sembra neppure vero…), a studiarsi un pochino di storia nostrana; anche solo le loro vicende interne. Scoprirebbero con stupore che in Ticino le simpatie più o meno palesi per il fascismo e Mussolini da parte dell’allora presidenza e di numerosi esponenti di spicco della destra del  Partito, portò a scontri accesi (con altrettanto illustri liberali difensori della democrazia come Libero Olgiati e G. B. Rusca). Il tutto è addirittura sfociato nel 1934 in una scissione del partito tra “Liberali” e “Democratici”. Dovrà finire la guerra e l’ubriacatura fascista in Europa affinché nel 1946 riuscisse la faticosa ricomposizione.

In tutta questa triste storia (nostrana e internazionale) i partiti e i movimenti di sinistra erano compatti su ben altri fronti, pagandone un caro prezzo. Ma questo a loro fa comodo dimenticarlo.

 

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!