A Melide è arrivato uno sceicco?

Di

Devo ammettere che per un bel po’ la storia dei diritti di trasmissione dei derby di hockey per me è stata buio totale.

Riassumiamo: i diritti son stati presi a suon di milioni da UPC che li ha sottratti a Swisscom con cui SSR aveva un accordo. UPC per cedere a SSR (e quindi a RSI) i diritti dei derby ha chiesto una cifra spropositata. Mi dicono un milione e mezzo. SSR rinuncia. Poi UPC va in TV (dove? A Teleticino of course) a dire che lei è tanto buonina e che rinegozia con SSR. Poi ieri la luce. I derby li trasmetterà Teleticino.

Ora, delle due l’una: o a Melide han trovato una gallina dalle uova d’oro che gli ha messo lì un milione e mezzo (ricordiamo che il budget di Teleticino è attorno agli 8 milioni in tutto di cui 6 provenienti dal canone), oppure UPC i derby glieli ha dati gratis o quasi. Perché? Per dimostrare che si può fare a meno della RSI. Il che a sto punto parrebbe pure vero, a breve termine. Bisogna però vedere cosa succederà una volta approvata, come pare sia il trend dai sondaggi, No Billag (cosa che evidentemente UPC auspica, essendo diretta concorrente di SSR). A quel punto infatti non avranno nessun bisogno di Teleticino (anzi: non avranno bisogno dei ticinesi in generale), e conteranno solo i milioni.

De facto: l’annuncio di ieri spiega tutto. UPC con una strategia -diciamolo- geniale, coglie i classici due piccioni con una fava: si assicura i commenti in italiano per i derby e tira una cannonata micidiale a RSI.

Questo dimostra che a differenza di quanto affermano i suoi sostenitori, No Billag non è affatto un mero tentativo senza speranza di far abbassare il canone senza affossare SSR, ma una vera e propria strategia concordata per eliminare la TV di tutti a favore della TV di alcuni. Il servizio pubblico non è mai stato così in pericolo.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!