Il giudice elogia Lisa Bosia

Di

Dopo mesi di processi social e sentenze più o meno non richieste, il processo a Lisa Bosia Mirra, quello vero nelle aule di tribunale, ha avuto il suo epilogo: confermata la condanna già emessa col decreto d’accusa. Tuttavia, nei fatti le motivazioni e le parole del giudice Siro Quadri rappresentano una sorta di vittoria morale per Lisa, al di là dell’ovvio e indiscutibile dovere per i magistrati di applicare le leggi vigenti, accertatane la violazione.

Lisa Bosia, secondo la sentenza, ha effettivamente e consapevolmente violato la legge, e su questo c’è decisamente poco da accanirsi avendolo lei stessa ammesso i fatti, ed è legittimo che un giudice preservi l’ordine giuridico costituito, essendo pagato per quello. Ciononostante, è fondamentale sottolineare che lo stesso giudice Quadri ha tenuto a dire “forte e chiaro” che comprende “lo spirito di Bosia elogiando l’impegno sociale da lei profuso”, seppur limitatamente all’operato per i migranti presso la stazione di Como. E non è poco, considerate le pesanti critiche ricevute anche rispetto questa attività, e il fatto che siano pronunciate da un magistrato, ancorchè a titolo personale, rappresentano un chiaro riconoscimento delle motivazioni umanitarie, considerate valide, e questo è l’aspetto più importante, anche come attenuanti di diritto:

“La legge prevede già 30/40 aliquote per il passaggio anche solo di 2-3 persone senza organizzazione. Pertanto l’accusa ha già tenuto conto delle ragioni umanitarie dell’imputata”. E di persone, ricordiamolo, Lisa ne ha aiutate 24, a fronte di una condanna a “sole” 80 aliquote giornaliere, sospese condizionalmente per 2 anni: è chiarissima in questo senso l’incidenza delle motivazioni umanitarie addotte dalla difesa riguardo l’entità della pena.

Quindi si, Lisa Bosia Mirra è stata riconosciuta colpevole, e come già ribadito più volte non discuteremo oltre una sentenza emessa da un tribunale, uno vero e non su bacheche social. Ma il suo lavoro, la sua dedizione agli ultimi e ai disperati sono state pienamente e pubblicamente riconosciute, non solo moralmente ma anche ufficialmente e legalmente, di diritto, essendo nero su bianco la loro valenza di attenuanti.

Quindi si rassegnino i vari manettari e forcaioli che da un anno imperversano sulla Rete al riguardo ripetendo il mantra “In galera!”, e ora sicuramente insoddisfatti che Lisa non sia dietro le sbarre col pigiamone a righe: la sentenza è emessa, e, salvo appello, il processo finisce qui. Il resto da ora è chiacchiera da bar.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!