La vendetta di Marco Chiesa

Di

Marco Chiesa deve avere molto tempo libero a Berna.

Non si spiegherebbe altrimenti perché addirittura un consigliere nazionale dovrebbe scomodarsi per tuffarsi a pesce nella polemica circa l’ormai stranoto docente di Barbengo e del suo discutibile (nella forma, ma neanche troppo nei concetti di base) post su Facebook in merito alla votazione sulla Civica.

Chiesa è veramente un eroe, il paladino della Ticinesità, l’Unto del Signore, o di Signôra probabilmente: perché ci vuole veramente tanto coraggio a voler rovinare la vita di una persona e di una famiglia per far capire chi comanda a questi badini e ai sinistroidi amici loro..

È davvero da grandi uomini di Stato intestardirsi a voler fare la ripicca contro un cittadino che ha espresso il suo pensiero, sia pure in modo un po’ troppo colorito, diciamo. Complimenti a Marco Chiesa, finalmente abbiamo trovato qualcuno capace di risolvere i problemi del Ticino in modo incisivo: perché sospendere il docente dal ruolo e dal salario cambierà davvero le sorti di questo Cantone, raddrizzerà il torto subìto a causa delle oscene e blasfeme offese.

Una vittoria elettorale, per lo più in una votazione cantonale, non può essere in nessun modo un’investitura divina per poter esercitare un potere assoluto e incontrollato su chiunque esprima un dissenso; governare, qualcuno lo spieghi a Marco Chiesa, non vuol dire comandare.

Marco Chiesa, e con lui l’UDC tutta, sta sfruttando la sua posizione per portare avanti una spudorata propaganda  sulla pelle di un cittadino sulla base di un pretesto, e ciò è di una gravità assoluta.

Minacciare un privato cittadino utilizzando il proprio ruolo politico per compiere quella che è semplicemente una rappresaglia, piegare gli strumenti della politica al fine della vendetta personale, spendere il proprio tempo e le proprie energie appositamente per rovinare la vita di una persona per un’espressione di idee diverse dalle proprie: questi non sono metodi di agire politico democratico, ma bensì, diciamolo pure senza mezzi termini, di regime.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!