Permessi falsi, solo multe

Di

Pene pecuniarie “sospese condizionalmente”, significa che non le paghi a meno di non fare un’altra stupidata negli anni seguenti. Questa è la punizione ai protagonisti dell’affaire dei permessi facili nel dipartimento di Gobbi. Dipartimento assai generoso tra l’altro, visto che la cinquantenne recentemente condannata, si fa per dire, visto che si è beccata una multa di 1000 franchi, quello che paghi per un radar se fai il cretino al volante, rimarrà a lavorare in governo. Passerà però al DSS di Beltraminelli, così impara.

Ah, e la declasseranno a impiegata d’ufficio. Adesso, senza voler essere forcaioli, io un funzionario corrotto lo licenzio. Ci sta la multa, non pretendo il carcere ci mancherebbe, lo scopo non è vedere il sangue, ma non è tollerabile che un funzionario statale, che sia un poliziotto, un amministrativo o un docente, si macchi di truffa, di corruzione nei confronti dello stato e dei cittadini e rimanga al suo posto.

A tutti gli effetti, queste persone hanno tradito la fiducia dei cittadini, che con i loro contributi provvedono allo stipendio di coloro che li hanno turlupinati. Non è solo una questione di etica, ma anche di correttezza nei confronti della marea di funzionari onesti che per il nostro stato lavorano. Cosa diciamo a loro? La tua collega è stata birichina e adesso lavora al DSS per punizione? Lo scandalo dei permessi facili non è stata una bagatella, ma una truffa chiara ai danni dello stato. Siamo comunque felici che il dipartimento di Gobbi, così integerrimo con i migranti, sia indulgente e pietoso verso i suoi dipendenti che truffano i ticinesi.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!