Quadri, figuraccia in parlamento

Di

Siccome sono miliardario e non avevo voglia di stare a bordopiscina sorseggiando un drink, per non annoiarmi oggi ho deciso di gustarmi il mio spettacolo preferito: la sessione delle camere. Ho scelto il nazionale perché oggi c’era la mia serie tv preferita: le mozioni di Quadri. Si perché siccome nella precedente legislatura Quadri veniva deriso per le sue continue assenze dalle sessioni, in questa ha pensato che forse era il caso di far finta di lavorare. Il modo più semplice? Mozioni come se non ci fosse un domani. Quasi tutte inutili e fatte alla brutocane ovviamente. Mica ci crede sul serio, oh. Oggi ce n’erano due: tassare i frontalieri e adottare il modello austriaco per il controllo delle associazioni islamiche. Il momento clou è arrivato con le risposte della Consigliera Federale Simonetta Sommaruga, che –in due parole- ha fatto fare all’amico Lorenzo la figura di merda del secolo.

Prima mozione: “nella forma attuale non si può dare seguito all’atto parlamentare perché inoltrato come mozione quando invece l’autore, in base al contenuto, avrebbe dovuto fare un postulato”

Seconda mozione: “Se il signor Quadri vuole introdurre il modello austriaco, prima di fare una mozione a livello federale, dovrebbe farne una a livello cantonale, magari nel suo cantone. E dovrebbe proporre che l’islam sia riconosciuto come religione nazionale. Per poter effettuare dei controlli sul modello austriaco infatti bisognerebbe anche imporre i doveri previsti dal modello austriaco, che appunto riconosce l’islam”.

Fine della storia. Ora: a parte che trattandosi di Quadri la figuraccia potrebbe anche far piacere, sorge spontanea qualche domanda. A Loré: ma che fai? Fai campagna per la civica e non sai la differenza tra mozione e postulato? A Loré: ma prima di proporre una soluzione, almeno ti informi sulla stessa o spari a caso tanto per? No perché non penso che il tuo elettorato farebbe i salti di gioia se la Svizzera riconoscesse l’islam come religione nazionale. Ma soprattutto. A Loré: la smetti di far far figure di palta al canton Ticino? Sei un consigliere nazionale, per dio. Se non sai cosa dici, sta zitto.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!