Argo1, la vergogna non ha limiti

Allontanato dal lavoro e “non reintegrabile” il lavoratore sbattuto in prima pagina come “infiltrato di UNIA” dal Corriere del Ticino per aver denunciato le irregolarità di Argo1

Di

Sarà contento il Corriere del Ticino, che grazie al can can mediatico che ha tirato in piedi è stato causa dell’allontanamento di un privato cittadino dal suo posto di lavoro. Il Corriere infatti, per i suoi squallidi giochi politici, aveva attaccato i dipendenti di Argo1 che avevano contribuito a denunciarne le magagne e li aveva sbattuti in prima pagina con nomi e cognomi.

Oggi, uno di loro, riassunto da Securitas, è stato sospeso. L’uomo, con un florilegio di ipocrisia senza vergogna, è stato allontanato: “a titolo cautelativo» e «di comune accordo con il Dipartimento della Sanità e della Socialità». Inoltre, guarda il caso:  «non è possibile reintegrarlo altrove». Con l’accordo del DSS? Ma Beltraminelli da che parte sta?

Facciamo nostre le parole di Matteo Caratti, che giustamente si altera per l’iniquità del trattamento e per la gogna mediatica in stile Mattino della Domenica:

“Sconcerto e pubblica condanna firmata dalla redazione di Falò e dalle associazioni dei giornalisti ha destato la gestione del caso da parte del blasonato ‘Corriere del Ticino’. Questo perché, a due riprese, ha calpestato le più elementari regole del giornalismo: con un’informazione a tutta prima pagina sulla celata invalidità del superteste, si è tentato di screditarlo, salvo poi non dar conto nell’edizione successiva che, ciò nonostante, per la procura egli rimaneva credibile. Passi uno scivolone, ma sull’edizione del giorno dopo, la cosa si è pure ripetuta. Non si lascia, ma si raddoppia e si bollano due ex agenti di sicurezza di Argo 1, motori della denuncia, di – citiamo – ‘infiltrati’ del sindacato Unia nell’agenzia di sicurezza e informatori di Falò. E questo facendo nomi e cognomi (con particolare evidenza), quando non c’era necessità alcuna di svelarne le generalità. Tanto più che si tratta di persone che stanno legittimamente facendo valere i loro diritti di lavoratori dipendenti, reclamando salari non versati (nero, usura…), e che sono parti lese!”

Caratti dà voce, come facciamo noi, a tanti ticinesi onesti che si vergognano e si incazzano per  questi metodi squadristi che nulla hanno a che fare con il giornalismo. Urge un richiamo alla deontologia e alla correttezza da chi ha voce in capitolo per poterlo fare: l’Associazione dei Giornalisti l’ha già fatto, i sindacati pure. La politica a questo punto dovrebbe darsi una bella mossa in Parlamento.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!