Finalmente una Commissione d’inchiesta su Argo1?

Pubblicità

Di

L’antipolitica nasce dalle colpe della politica. Una politica virtuosa e senza macchia non avrebbe, in questi anni, reso possibile l’ascesa di movimenti populisti in ogni angolo del mondo. E quando la politica rimane invischiata in casi come quello di Argo1, suo dovere è fare chiarezza.

Per questo motivo è corretta la proposta del Partito Socialista di istituire una Commissione parlamentare d’inchiesta. “Nel caso ‘Argo 1’ è stata appurata la violazione reiterata della Legge sulle commesse pubbliche, l’assenza della risoluzione del Consiglio di Stato per il mandato diretto, la mancata pubblicazione del concorso, i pagamenti effettuati benché non ci fossero né i documenti né i presupposti richiesti. È stato determinato che 8’000 ore di lavoro, per un importo di 190mila franchi, non sono state dichiarate e sono state pagate in contanti”, si legge nel comunicato del PS. Son cose che fanno rabbrividire, e che non è possibile pensare di nascondere sotto al tappeto. È stato fatto per troppo tempo. Ora basta.

Sempre in nome della chiarezza, fa molto piacere anche la proposta di Fiorenzo Dadò. Coinvolto recentemente nella questione delle cene a Bormio, il presidente del PPD non solo chiede chiarezza su Argo1, ma propone addirittura che a farla sia una commissione esterna. Così si è espresso ieri al Quotidiano: “Con tutta la marea di informazioni vere e pretestuose che ci sono state in questi giorni, i cittadini non capiscono più niente. Quindi è indispensabile fare immediata chiarezza. Noi chiediamo un’inchiesta esterna completamente indipendente dalla politica e dall’amministrazione, data in mano a tre periti, magari addirittura a tre ex magistrati. (…) noi riteniamo che il caso sia grave e chiediamo chiarezza sul mandato Argo e su tutte le persone che sono coinvolte.

L’inizio è incoraggiante. Se e come verrà fatta chiarezza, è un altro discorso.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!