L’inquinamento invernale arriva in autunno

I provvedimenti cantonali per risanare l’aria non prevengono l’inquinamento atmosferico: tentano di arginare un fenomeno fuori controllo.

Di

L’inverno non è ancora cominciato e il Mendrisiotto già soffre di quel male chiamato “inquinamento invernale”. Per il terzo giorno consecutivo infatti, la concentrazione di polveri fini ha oltrepassato i 50 microgrammi/m3, superando oggi i 100 microgrammi/m3. Un anno fa, all’ora attuale, la concentrazione di polveri fini era di gran lunga inferiore. Che cosa è successo dunque tra ottobre 2016 e ottobre 2017 perché l’inquinamento invernale arrivi anzitempo? La risposta non si trova nel clima secco visto che anche nell’ottobre 2016 le precipitazioni erano sotto la norma. La risposta è più semplice: non è successo nulla. Non è successo nulla, o quasi, in favore della pulizia dell’aria.

Fino a pochi anni fa, al fine di contrastare l’inquinamento estivo, il Cantone rimborsava il 50% degli abbonamenti Arcobaleno con la conseguente diminuzione di ozono a basse quote. La promozione “Cambia l’aria” fu considerata un successo.

Essendo l’inquinamento invernale nocivo tanto quanto quello estivo e, per buona parte, prodotto dall’utilizzo di veicoli a motore, i provvedimenti per contrastarlo potrebbero essere abbonamenti sovvenzionati come nel caso di “Cambia l’aria”. Non è così. Perché entrino in vigore misure che coinvolgano il trasporto pubblico, bisogna aspettare che la concentrazione di PM10 superi i 100 microgrammi/m3 in almeno due stazioni di misura e per almeno due giorni consecutivi.

Una misura che non si basa sulla prevenzione di un fenomeno, ma che tenta di arginare una situazione già fuori controllo, è una misura inutile.

A quanto pare, prima di cambiare l’aria è necessario cambino le mentalità.

Siamo ormai in molti a chiedere alle istituzioni di prendere misure serie nei confronti dell’ambiente. Che la politica ci segua nel nostro cambio di mentalità e abbia il coraggio di proporre misure efficaci per favorire la mobilità lenta e il trasposto pubblico!

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!