NO Billag, Chiesa sconfessa Bühler

Il consigliere nazionale UDC si dichiara contrario all’iniziativa attivamente sostenuta dal vicepresidente cantonale del partito

Di

Secondo me è un’iniziativa troppo radicale. Il canone non viene abbassato a 200 franchi, come sarebbe giusto, ma passa a zero. E questo, è bene sottolinearlo, praticamente da un giorno all’altro. Qualora venisse accolta, una simile proposta metterebbe senza dubbio in ginocchio il servizio pubblico, l’azienda e molte famiglie. Io non me la sento.”

Chi ha pronunciato queste parole ragionevoli e sensate? Un compagno? Un fuco di Stato? Un “grattaculo della R$I”? Uno dei tanti giornalisti di Comano e Besso che con pacatezza e rispetto stanno spiegando a cosa porterebbe l’iniziativa No Billag qualora venisse approvata? No. A dirle, intervistato da Liberatv, è stata una delle persone più a destra di questo Cantone: il consigliere nazionale democentrista Marco Chiesa.

Parole ragionevoli, dicevamo. Perché sebbene ci siano una critica a certe scelte dell’Ente e un rimarcare la propria posizione, c’è anche quello che manca al suo (ex?) galoppino da tre e una cicca Alain Bühler: il senso della realtà. Basta leggere il testo dell’iniziativa: in caso di approvazione, mai più canone, zero sovvenzioni, zero franchi. Abbassare il canone a 365 franchi all’anno porterà, lo abbiamo già scritto, al 20% di tagli: immaginatevi che macelleria sociale avverrebbe in caso di successo dell’iniziativa.

Cosa farà l’UDC adesso? Andrà contro il proprio consigliere nazionale o, come è sembrato guardando in giro sui social ieri pomeriggio, è iniziato il riposizionamento che metterà nel cono d’ombra che merita Alain Bühler e quelli che non vedono l’ora di veder licenziati 1’100 ticinesi? Nell’attesa prendiamo i popcorn e ci godiamo le ennesime contraddizioni di quel mondo fantasy che è la destra ticinese.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!